Newsletter PO marzo 2012 

“Come spesso accade per le battaglie a favore dei diritti civili, si è più portati a guardare alla strada che ancora manca da percorrere verso l’obiettivo, nel nostro caso quello della parità tra uomo e donna. L’invito per il prossimo 8 marzo, in particolare per le più giovani, è questa volta a riflettere su quanto parta da lontano il percorso intrapreso dalle generazioni precedenti. Con la dura fatica di chi deve, per primo, tracciare un sentiero in mezzo a un fitto bosco e guadagnare passo dopo passo un pezzetto di cammino verso la meta.

A tutte quelle donne e quegli uomini che hanno portato al raggiungimento di molti traguardi, nel segno di una maggiore parità e riconoscimento per le donne nel lavoro, nella società e nella cultura,vada il nostro pensiero celebrando questo 8 marzo, e con esso tutta la nostra gratitudine.


Il loro impegno, la loro lungimiranza, l’onestà morale e l'intelligenza che hanno saputo mettere a servizio dei comuni obiettivi hanno contribuito a creare i fondamenti per una società più giusta ed equa. Noi siamo qui, ora, per continuare su quella strada, ricordando a tutti e a tutte che ciò che oggi può apparire talvolta scontato è il frutto di una conquista di altri prima di noi. Anche per noi.
Simonetta Tregnago, presidente Commissione regionale Pari opportunità

 

IN EVIDENZA
Ricerca e dati omicidi domestici in Veneto

Sono 36 i casi di omicidio in ambito familiare in Veneto nel triennio 2009-2011, a cui si aggiungono 48 tentati omicidi; 39 le vittime per i primi e 53 per i secondi, che significa quasi una vittima di omicidio realizzato o mancato a settimana. Gli autori sono 37 uomini e 9 donne nel caso degli eventi di omicidio tentato, 27 maschi e 9 femmine nel caso di quelli compiuti. E le vittime (partner, figli, genitori...)? 31 le femmine e 22 i maschi ad aver subito un tentativo di uccisione; 28 femmine e 11 maschi sono invece stati uccisi da persona a loro legata da relazione parentale o affettiva. È quanto emerge dalla ricerca promossa dalla Commissione regionale Pari opportunità del Veneto e condotta dall’Osservatorio nazionale Violenza domestica (Onvd), presentata mercoledì 29 febbraio a Venezia presso la Sala Conferenze del Palazzo Grandi Stazioni della Regione del Veneto.
Il lavoro, intitolato appunto “Il fenomeno degli omicidi domestici in Veneto nel triennio 2009-2011”, è la prima indagine, sia in Veneto che a livello nazionale, a prendere in considerazione anche i casi di tentato omicidio. E poiché il sistema giudiziario italiano non distingue gli uxoricidi, o più in generale i femminicidi, dagli altri omicidi - sottraendo così dati e informazioni importanti per la prevenzione del fenomeno -, l’indagine è partita dalla valutazione dei fatti di cronaca ripresi dai media, incrociati con dati giudiziari.
Per conoscere ancor più il fenomeno della violenza in Veneto e rafforzare la sua prevenzione, è in programma quest’anno un’altra ricerca targata Commissione regionale Pari opportunità e Onvd: il focus questa volta saranno gli autori di tali brutalità. Il progetto pilota si svolgerà proprio in alcune case circondariali della regione, con lo scopo di effettuare una mappatura/analisi della popolazione carceraria in regime detentivo o alternativo, individuando i soggetti condannati per i reati connessi a violenza domestica.

ALTRE NEWS
Padova tra i vincitori del Premio per la creatività socialmente responsabile
C’è anche la città di Padova tra i vincitori al Premio “Immagini amiche”, promosso dal Parlamento europeo e dall’Udi-Unione Donne in Italia, in partenariato con il Dipartimento Pari opportunità e la Commissione europea. Padova è stata scelta tra numerosi Comuni perché ha detto “no” a manifesti pubblicitari lesivi per l’immagine della donna (due poliziotti che con violenza e sadismo perquisiscono donne in abiti succinti) e ha sostenuto il progetto “Uscire dal silenzio”, una nuovissima casa “di fuga” per donne vittime di violenza e i loro figli. L’iniziativa intende premiare la comunicazione socialmente responsabile che veicola e diffonde messaggi positivi, ossia immagini di donne vere, reali e quotidiane, con lo scopo di stimolare i creativi a produrre una comunicazione rispettosa dell’immagine delle donne. Il premio, è stato assegnato il 2 marzo, alla presenza della ministra Elsa Fornero.

L’Italia è il primo Paese europeo ad aderire al programma antidiscriminazioni
L’Italia è il primo Paese dell’Ue ad aver aderito al programma del Consiglio d’Europa che recepisce la Raccomandazione del Comitato dei ministri per le politiche di contrasto alla discriminazione, tramite assistenza tecnica e finanziaria, nei confronti delle persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e trans gender). Tra i punti chiave del programma la prevenzione e il contrasto al bullismo omofobico, potenziando gli interventi nella scuola (studenti, genitori, docenti e dirigenti), la prevenzione e il contrasto alla discriminazione nell’ambito lavorativo, l’informazione e la sensibilizzazione per le Forze dell’ordine e il contrasto dei pregiudizi e degli stereotipi nei confronti delle persone LGBT nei mass media (in collaborazione con la Federazione nazionale della Stampa italiana).

Assegnato il premio Pink Roma, alla prima edizione, per l’impegno sociale delle donne
Il premio per l’impegno sociale delle donne, il “Pink Roma”, alla prima edizione, è andato a Maria Grazia Passuello, presidente di Solidea della Provincia di Roma, per il suo lavoro di gestione dei centri antiviolenza per donne in difficoltà, la promozione di campagne di prevenzione, l’istituzione di un osservatorio sulle donne vittime di violenza, l’attivazione di una rete “rosa”, in collaborazione con i Comuni e la Regione, e la lotta alla tratta di esseri umani.

Nasce un sito per le donne e le nuove professioni
Si chiama GirlsInIct.org il nuovo sito web pensato per incoraggiare le donne, in particolare le giovani dagli 11 ai 25 anni, a cercare lavoro nell’ambito dell’ICT, information communication technology. Il portale è un’idea dell’Unione internazionale delle telecomunicazioni, agenzia specializzata dell’Onu, e raccoglie molte occasioni interessanti: borse di studio, concorsi e spunti utili per “allargare gli orizzonti”. L’iniziativa nasce dal bisogno di preparare le ragazze ad affrontare l’ingresso nel lavoro in un settore, come quello dell’ICT, dove restano fortemente penalizzate. Il sito evidenza la convenienza e la remunerazione delle professioni del settore e incoraggia le ragazze ad allargare i propri orizzonti, andando oltre alle professioni tipicamente “di genere”, e sollecita insegnanti e genitori ad accantonare atteggiamenti negativi e stereotipati.

Toponomastica al femminile
È una delle iniziative in occasione dell’8 marzo: intitolare in ogni Comune tre nomi di strade a tre donne. È l’idea lanciata dal gruppo di donne “Toponomastica femminile” e accolta con entusiasmo dal vicepresidente dell’Anci Osvaldo Napoli. Troppo poche sarebbero ancora le vie dedicate alle donne, moltissime invece quelle che celebrano illustri personaggi... uomini. La simpatica iniziativa riuscirà ad avere successo? Forse più facilmente nei piccoli Comuni.

VI SEGNALIAMO
Sono come sempre numerose in territorio veneto le iniziative promosse in occasione dell’8 marzo, Festa della donna. Volentieri diamo loro ampio spazio in questa newsletter, per far emergere il patrimonio di impegno ed energie dedicati ai diritti delle donne e alla promozione delle pari opportunità:

in provincia di VICENZA
Fino al 19 marzo il Comune di Vicenza promuove un programma fitto di iniziative, in collaborazione con associazioni femminili attive in città: concerti, incontri sul tema del lavoro e dell’economia, presentazioni di libri, letture... E una significativa mostra tutta al femminile, “Nata femmina (?) Stereotipi, condizionamenti e identità di genere”, in cui quattro fotografe danno la propria interpretazione delle forme di violenza meno appariscenti ma più subdole, come gli stereotipi di genere imposti dalla società. La mostra sarà inaugurata venerdì 9 marzo alle 17.30 e potrà essere visitata dal 9 al 18 marzo a Palazzo Cordellina (contrà Riale 12).

in provincia di ROVIGO
Va in scena martedì 6 marzo alle ore 21 il recital “Sabrina e le altre. Donne che lavorano troppo o troppo poco” , alla sala consiliare della Provincia di Rovigo (via Celio, 10), evento promosso dall’Assessorato e dalla Commissione Pari opportunità della Provincia di Rovigo e dalla consigliera di parità provinciale. La voce narrante è di Maria Antonietta Centoducati e la fisarmonica di Lorenzo Ducati, dell'Associazione Eventi Art&Spettacoli di Reggio Emilia. A presentare la serata l’assessore alle Pari opportunità Guglielmo Brusco, la presidente della Commissione Maria Grazia Avezzù e Anna Maria Barbierato, consigliera di parità provinciale.

in provincia di VENEZIA
Un calendario fitto di appuntamenti quello promosso dall’Assessorato Cittadinanza delle donne e Attività culturali–Centro donna della Città di Venezia: si parte da mercoledì 7 marzo al centro Candiani di Mestre-Venezia alle 17 con “Toponomastica al femminile” , fino al 30 marzo con convegni, tavole rotonde, spettacoli, mostre fotografiche, reading, proiezioni cinematografiche che hanno come fil rouge la donna. Per informazioni e programma completo: www.comune.venezia.it/c-donna

Venerdì 9 marzo alle 17.30 alla sala Convegni dell’Ospedale di Noale il seminario“Letteratura al femminile La letteratura afroamericana Toni Morrison”, seminario promosso dall’Assessorato alle Pari opportunità comunale e come ogni anno dedicato all’opera di una scrittrice donna impegnata in ambito sociale. A condurre l’incontro la professoressa Glenda Carpio dell’Università di Venezia e di Harvard.

Presso l’Ateneo veneto di Venezia, invece, sabato 10 marzo dalle 15.30 in occasione di “Do.Ve. Donne a Venezia. Creatività, economia, felicità”, un convegno che vede protagonista il professor Edward De Bono, considerato la massima autorità nel campo del pensiero creativo e dei meccanismi della mente. Intervengono: Cinzia Fabris, presidente CNA Impresa donna Veneto, Francesca Cappelli, presidente Comitato Imprenditoria Femminile CCIAA di Venezia, presidente CNA Impresa donna di Venezia e componente del comitato d’onore di DO.VE, e Tiziana Agostini, assessore alle Attività culturali e alla Cittadinanza delle donne del Comune di Venezia.

Ancora a Noale, a Palazzo della Loggia, è possibile visitare fino al 12 marzo la mostra di pittura “Ti parlo” di Annamaria Olmo. La personale fa parte dell’iniziativa “Marzo Donna”, dedicata ogni anno a un’artista diversa. La mostra è aperta dal lunedì al sabato (ore 16.30-19.00) e la domenica (ore 16.00 - 19.00).

in provincia di VERONA
La Comunità Papa Giovanni XXIII in occasione dell’8 marzo promuove a Verona la manifestazione "Stop alla tratta, libera la vita!": una fiaccolata dalle ore 20.30 dalla stazione ferroviaria fino a Piazza Bra, per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sul dramma delle giovani donne vittime del fenomeno. La manifestazione è patrocinata dall’Assessorato alle Pari opportunità del Comune di Verona e dalla Provincia di Verona.
Per informazioni e adesioni: Comunità Papa Giovanni XXIII, segreteria 0442 26657, email: segz.verona@apg23.org

Nella splendida cornice di Villa della Torre Allegrini a Fumane di Valpolicella per celebrare il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia e la festa internazionale della donna, l’8 marzo dalle 17.30 sarà presentato il libro “L’altra metà del risorgimento”, scritto dalle storiche Nadia Maria Filippini e Liviana Gazzetta: è la narrazione di volti e voci di patriote venete, anche attraverso testimonianze documentaristiche. La riflessione storico culturale dell’incontro sarà accompagnata da letture di poesie e da uno spettacolo lirico per pianoforte e soprano con arie di eroine; infine, una cena guidata in omaggio all’interpretazione popolare e femminile dei piatti del territorio. Per informazioni: 045 6832070 – 6832060; villadellatorre@allegrini.it; www.villadellatorre.it

“La figura femminile nel cinema del neorealismo” è il titolo della rassegna antologica cinematografica in calendario a Verona l’8 marzo alle 20.30 presso la sala Convegni della Banca popolare di Verona (via San Cosimo, 10). L’appuntamento, promosso dalla Provincia di Verona e dalla Cpo provinciale in collaborazione col Circolo del cinema di Verona, è curato dal professor Mario Guidorizzi e vede la partecipazione della giornalista di cinema Paola Jacobbi. Saranno proiettati i capolavori di Roberto Rossellini, Vittorio De Sica e Luchino Visconti: una figura fondamentale, quella femminile del cinema neorealista italiano, perché rivoluzionaria rispetto ai vacui stereotipi imposti dalla produzione nazionale durante il ventennio di regime.

Numerosi gli appuntamenti in tutta la provincia di Verona dal 5 al 31 marzo, in occasione della festa della donna, promossi dalla Provincia e dalla Commissione provinciale Pari opportunità. Dalla mostra fotografica a Minerbe al reading teatrale a Garda, dalla proiezione cinematografica a Bovolone allo spettacolo teatrale a Mozzecane.

in provincia di PADOVA
Le sedi provinciali del Centro italiano femminile organizzano varie iniziative in occasione della festa della donna: il Cif di Cavino (San Giorgio delle Pertiche) per l’8 marzo ha in calendario l’incontro “Donne, lavoro ed economia per una nuova Italia e una nuova Europa nel mondo”. La sede di Saccolongo, invece, durante tutto il mese di marzo propone un ciclo di conferenze dal titolo “Donna e famiglia: il valore sociale” e “Obesità e disturbi dell’alimentazione, oggi” con la presenza di psicologi e dietologi.

Una mattinata di studio e dibattito, sabato 10 marzo, intorno al tema della violenza e, in particolare, dello stalking. Il convegno “Lo stalking e la violenza alla persona: atti persecutori una nuova tipologia di reati”, alla sala Consiliare della Provincia di Padova (piazza Antenore, 3), è promosso dalla Società di psicologia delle dipendenze e dall’Assessorato alle Pari opportunità della Provincia di Padova. Per iscriversi: spd-segreteria@libero.it o tel. 335/6668240 348/7292002.

Apre venerdì 23 marzo il ciclo di incontri che in diversi comuni della provincia di Padova metterà al centro il tema dell'autostima, come riscoperta della consapevolezza di quanto un individuo vale nonostante le proprie debolezze e i propri limiti. Gli incontri sono promossi dalla cooperativa sociale Progetto Now Società, dai Comuni di Ponte San Nicolò, di Saonara e di Noventa Padovana, sede degli appuntamenti.

in provincia di TREVISO
Sarà presentato giovedì 8 marzo alle ore 11.00 presso il Liceo Duca degli Abruzzi (via Caccianiga, 5) il libro “Donna alla ricerca dell’origine” della psicologa e counsellor Clarisse Schiller, presente all’incontro. L’appuntamento vede la collaborazione della Commissione regionale Pari opportunità e della Cpo di Treviso ed è promosso dalla Provincia di Treviso, la consigliera pari opportunità e la Cpo provinciali.


 



Data ultimo aggiornamento: 11/09/2013

Percorsi


Siti tematici


Contenuto Html