vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 53 del 16/01/2019

REGIONE VENETO CONTRIBUISCE CON 2,2 MLN ALLE SPESE DI 133 FAMIGLIE E DI 23 ENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - ASSESSORE LANZARIN, “AIUTO CONCRETO PER CONTENERE I CONSUMI E ABBASSARE LE BOLLETTE”

16/gen/2019 | REGIONE VENETO CONTRIBUISCE CON 2,2 MLN ALLE SPESE DI 133 FAMIGLIE E DI 23 ENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - ASSESSORE LANZARIN, “AIUTO CONCRETO PER CONTENERE I CONSUMI E ABBASSARE LE BOLLETTE”

Notizia n. 51 del 16/01/2019

CONTRIBUTI ALLA PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA: VENERDÌ 18 GENNAIO PRESENTAZIONE A PADOVA DEL BANDO POR FESR

16/gen/2019 | Venerdì 18 gennaio 2019, alle ore 10.00, a Villa Itali di Padova (via S. Marco 51), l’assessore regionale alla cultura, Cristiano Corazzari, presenterà il bando Por Fesr 2014-2020 per la concessione di contributi a favore della produzione cinematografica e audiovisiva nel Veneto.

Notizia n. 50 del 15/01/2019

PFAS: REGIONE VENETO SI È GIÀ COSTITUITA PARTE OFFESA DAVANTI ALL’AUTORITÀ INQUIRENTE

15/gen/2019 | PFAS: REGIONE VENETO SI È GIÀ COSTITUITA PARTE OFFESA DAVANTI ALL’AUTORITÀ INQUIRENTE

SICUREZZA. DECRETO SALVINI APPLICATO A SPACCIATORE NIGERIANO. ZAIA, “PRIMI EFFETTI DI NUOVA LEGALITA’. BENE, AVANTI COSI’”

Comunicato stampa N° 1761 del 08/11/2018
AVN) Venezia, 8 novembre 2018

“Tocchiamo con mano i primi effetti della legalità affermata dal decreto Salvini. Finalmente i delinquenti tornano a casa loro, com’è giusto che sia e come hanno sancito il Ministro dell’Interno, il Governo e il Parlamento con la fiducia votata ieri dal Senato. Bene così, avanti così”.

Con queste parole, il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commenta la notizia che è stata respinta la richiesta di protezione internazionale di uno spacciatore di droga nigeriano richiedente asilo, sorpreso in flagranza di reato alcuni giorni fa dalla Polizia Locale di Treviso che, nel suo alloggio nella struttura di accoglienza dove era ospitato nella ex caserma Serena di Dosson, ha poi trovato altri 240 grammi di marijuana. L’uomo è ora nel Cpr di Brindisi e verrà espulso.

“Per troppo tempo, per anni – aggiunge Zaia – abbiamo dovuto assistere a imprese come quella di questo delinquente  troppo spesso accompagnate da una sorta di inaccettabile impunità. Ora basta, l’aria è cambiata anche in Italia, grazie alla concretezza di un lavoro che il Ministro dell’Interno ha portato avanti tenacemente in questi mesi”.

“Siamo anche di fronte – conclude Zaia – alla risposta concreta a chi ha criticato il provvedimento sostenendo che non avrebbe funzionato. Invece funziona, alla grande”.


Data ultimo aggiornamento: 08/11/2018